it en fr fb tr

Ostensione della Sindone 2015

L’Ostensione della Sindone inizia domenica 19 aprile 2015 con la solenne Celebrazione Eucaristica delle 11 presieduta dal Custode pontificio della Sindone Mons. Cesare Nosiglia, Arcivescovo di Torino, con i vescovi del Piemonte. La Messa sarà trasmessa in diretta su Rai1.

ORARI PER LA VISITA ALLA SINDONE

Il percorso di visita alla Sindone è aperto tutti i giorni dalle 7.30 alle 19.30.
La visita è gratuita, la prenotazione obbligatoria e si può effettuare dalla pagina “Prenota la tua visita” sul sito www.sindone.org, tramite il Call center al numero 011.5295550 oppure, dal 19 aprile, direttamente presso il Centro prenotazioni di via Palazzo di Città (piazza Castello).
Ogni mattina alle 7 in Duomo viene celebrata la Messa.
Alla sera il Duomo rimane chiuso, salvo alcune celebrazioni di preghiera.
Saranno organizzate, inoltre, iniziative culturali in luogo da definire, il calendario sarà pubblicato e aggiornato attraverso il sito www.sindone.org.

PAPA FRANCESCO A TORINO PER LA SINDONE

Come da programma, annunciato in Vaticano lo scorso 25 marzo, Papa Francesco celebrerà la Messa in piazza Vittorio Veneto a Torino domenica 21 giugno alle 10.45.

CHE COSA E’ LA SINDONE

La Sindone è un lenzuolo di lino tessuto a spina di pesce delle dimensioni di circa m. 4,41 x 1,13, contenente la doppia immagine accostata per il capo del cadavere di un uomo morto in seguito ad una serie di torture culminate con la crocefissione.
L’immagine è contornata da due linee nere strinate e da una serie di lacune: sono i danni dovuti all’incendio avvenuto a Chambéry nel 1532.
Secondo la tradizione si tratta del Lenzuolo citato nei Vangeli che servì per avvolgere il corpo di Gesù nel sepolcro.
Questa tradizione, anche se ha trovato numerosi riscontri dalle indagini scientifiche sul Lenzuolo, non può ancora dirsi definitivamente provata.
Certamente invece la Sindone, per le caratteristiche della sua impronta, rappresenta un rimando diretto e immediato che aiuta a comprendere e meditare la drammatica realtà della Passione di Gesù. Per questo Papa san Giovanni Paolo II l’ha definita “specchio del Vangelo”.